Per molte persone fare due volte la stessa cosa è un problema. Si annoiano, e tendono ad evitare la ripetizione. Eppure tutti noi – anche chi dice di annoiarsi facilmente – tendiamo ad essere ripetitivi, ossia ad avere abitudini che ci costringono, quasi senza che ce ne accorgiamo, ad una continua ripetizione.

Stessi gesti, oppure stesse risposte.

La noia che spesso sentiamo nella ripetizione è frutto delle nostre abitudini occulte, di quel ripetere – fuori dalla consapevolezza – lo stesso modo di stare nel mondo. E gli stessi pensieri.

Così dovremmo distinguere tra essere ripetitivi e ripetere un’esperienza.

Essere ripetitivi vuol dire avere pregiudizi, sostituire l’esperienza con gli stereotipi, giudicare prima di sapere, agire con il pilota automatico innescato. E spesso non proviamo noia per questo tipo di ripetizione: l’associamo alla forza perché nasce dall’attivarsi delle nostre difese, eterni guardiani della nostra ripetitività.

Ripetere un’esperienza più e più volte vuol dire invece andare in profondità, esplorare in tanti modi diversi, coltivare la mente del principiante, permettere che lo stupore diventi una parte della nostra vita quotidiana. Uno stupore che non è cercato dalla continua novità ma è costituito dal trovare la novità in ogni momento.

Poiché le abitudini ci permettono di delegare certe forme di pensiero al pilota automatico, il pensiero stesso diventa sempre più abitudinario. Certi pensieri si trasformano in abitudini. Pensieri come “Perché non ci riesco?”, “Cosa c’è che non va oggi?”o “Quello ce l’ha con me” possono diventare ritornelli che il pilota automatico innesta nella nostra testa con la stessa facilità con cui ci aiuta a lavarci i denti o a trovare la strada per raggiungere l’ufficio. Danny Penman

Pratica di mindfulness: Il panorama della mente

© Nicoletta Cinotti 2017 Risolversi a cominciare

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!