L’amore ci ricorda la vulnerabilità: quando amiamo qualcuno infatti – per quanto forti possano essere le nostre difese – si apre un varco.

Quel varco è meraviglioso, anche se lo temiamo: ci rendiamo conto che aumenta la nostra sensibilità.

In realtà la vulnerabilità della quale dovremmo preoccuparci non è quella dell’amore ma di quel punto in  cui si sono assommate le ferite del passato. Me lo immagino come un interruttore e gli dò anche un nome: 2D (Deprived and Deserted: deprivato e abbandonato).

E’ di quell’interruttore che dovremmo occuparci perché quando si accende è capace di distorcere la realtà esterna e di aumentare la percezione del dolore.

Preoccuparci dell’amore invece è superfluo: ci apre e fa crescere. Abbiamo solo bisogno di distinguere la sensibilità dell’amore con la vulnerabilità delle nostre ferite passate – quella dell’interruttore 2D –  per non lasciarci sfuggire molte cose dalla nostre relazioni. Cose che poi potremmo rimpiangere.

Così, prima di reagire a qualcosa che ha fatto una persona che amiamo chiediamoci: è sensibilità o vulnerabilità? Parla il mio interruttore o davvero sono stato ferito qui e ora? Perché l’amore ricorda la vulnerabilità ma in realtà è fatto del tessuto del presente.

Non siamo mai così privi di difese come quando amiamo. Sigmund Freud

Pratica di mindfulness: Cullare il cuore

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©prima_stella

 

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!