L’attenzione esagerata al futuro toglie significato e piacere al presente. E, poiché il futuro deriva dal presente, la perdita del presente trasforma il futuro in un sogno o in un’illusione. E’ come cercare di costruire una casa senza fondamenta. Tutto quello che si può produrre è un castello in aria.

Quando il futuro sostituisce il presente, quando il fare nega l’essere, sorgono i problemi. Un  equilibrio appropriato può essere raggiunto quando la persona o la società sono radicati al corpo, al presente, all’essere. Allora l’Io, il futuro e il fare riposano su solide basi.

Alexander Lowen, Paura di vivere

© Nicoletta Cinotti

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!