In questo periodo dell’anno i miei vicini di casa incominciano a vedere i primi risultati del loro orto. Ieri mi hanno portato le fave e fatto vedere a che punto sono i pomodori. È un orto preciso e organizzato. Il mio vicino non  è giovanissimo ma lo cura con uno spirito da ragazzo. Orgogliosissimo di quello che vede spuntare. Ogni giorno è lì. Ha iniziato mesi prima a preparare il terreno. In alcuni casi mette i semi. In altri trapianta le piantine.

Così, ogni mattina, guardando dalla finestra del soggiorno, vedo i progressi del suo orto. Un orto che mi ricorda – e mi insegna – che le piccole cose contano. Che quei semi hanno un sacco di potenzialità. Lui si alza presto per innaffiare l’orto. Io mi alzo presto per praticare. Anch’io uso piccole cose. Piccole come la durata del respiro. E le seguo una per una. Con la stessa pazienza e con lo stesso orgoglio quando fiorisce una nuova intuizione di quando lui mi porta le fave appena raccolte. Entrambi dobbiamo avere pazienza. Entrambi temiamo gli eventi atmosferici avversi ma continuiamo a seminare e raccogliere frutti. Alla fine tutto questo non è ripetizione, come potrebbe sembrare. Piuttosto è seguire e riconoscere la continua natura del cambiamento e scoprirlo attraverso il riconoscere le piccole cose. Iniziamo dai semi – la consapevolezza del respiro – ma non ci fermiamo lì. Apriamo progressivamente la consapevolezza al corpo, ai pensieri, ai suoni alle emozioni perchè infine ci sia possibile accorgerci del sorgere e del finire di tutte le sensazioni e disegnare cosi il flusso del nostro cambiamento. Alcune persone sono più sensibili al sorgere. Altre al finire. Ma entrambe le consapevolezze – la consapevolezza di qualcosa di nuovo che nasce e la consapevolezza di qualcosa che finisce – ci insegnano, leggère come un respiro, che c’è già un cambiamento in corso e dentro di noi abbiamo un’infinità di bustine di semi da scegliere e aprire.

Ci immaginiamo che un paio di grandi cose abbiano un profondo effetto sulla nostra felicità. Ma sembra invece che la felicità sia la somma di centinaia di piccole cose…Le piccole cose contano. Non solo le piccole cose contano. Le piccole cose non sono tanto piccole. Risulta che sono immense. Minuscoli spostamenti nel tuo punto di vista, nel tuo atteggiamento e nei tuoi sforzi per essere presente possono avere effetti enormi sul tuo corpo, sulla tua mente, sul mondo. Anche la più minuscola manifestazione di consapevolezza in un momento qualsiasi può dare origine ad una intuizione enormemente trasformativa. Jon Kabat Zinn

Pratica di mindfulness: Meditazione su corpo, respiro, suoni, pensieri

© Nicoletta Cinotti 2016 Le radici della felicità (Iniziamo oggi la nuova serie di post che ci condurrà al ritiro dal 1 al 4 settembre “Le radici della felicità” Stay Tuned!

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!