Quando un evento è percepito come sfavorevole, proviamo una contrazione che riguarda il corpo e la mente.

Può esser più facile riconoscere le tensioni corporee: sentiamo dolore, contrazione o rigidità. Ma allo stato corporeo corrisponde uno stato mentale. L’uno e l’altra sono strettamente legate. Tanto che iniziamo a lamentarci o a ripetere ossessivamente gli stessi pensieri o a progettare piani di evasione.

Perché non iniziare a chiederci cosa contraiamo nella mente oltre che nel corpo? Perché non iniziare a leggere i nostri pensieri non solo per il loro contenuto ma anche per la loro carica energetica?

 La mente non è il cervello, la mente è il sistema del corpo che pensa. (Mauro Covacich )

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!