Molti anni fa uscì un libro di Marie Cardinal, aveva un titolo evocativo “Le parole per dirlo”. Raccontava la sua psicoanalisi e la sua guarigione da un problema fisico, avvenuta man mano che riusciva a trovare le parole per dare voce al suo dolore.

Ecco la psicoterapia è tutta qui: nel cercare le parole per raccontare il proprio dolore. Non per raccontare un’epica del dolore. No, quelle parole diventano roboanti e alimentano un senso grandioso quanto ferito di sé. Quello che dobbiamo cercare sono le parole giuste, che hanno l’esatta misura di quello che sentiamo. Né più piccole né più grandi. In quella misura sta la possibilità delle parole di guarirci.

Io cerco quelle parole come un cane da tartufo. Le cerco per me e per gli altri. A volte mi sembra che una seduta potrebbe essere fatta solo di una parola. Però parlare così, cercare le parole giuste non è qualcosa che ci insegnano. Ci insegnano a raccontar storie ma non a parlare della verità. Io non ho trovato altro modo, per imparare a dire la verità, che la meditazione e la poesia. La meditazione mi dà gentilezza e precisione e così navigo in profondità come se non ci fosse una fine, né un principio. La poesia invece rende, alle mie parole, corpo. Dà alle parole muscoli e sangue e soprattutto battito vitale.

Così, a volte, dopo una seduta piena di dolore condiviso ne leggo una (a volte ne leggo una anche in seduta, poveri pazienti! che pazienza che hanno con me sempre piena di tecnologia e poesie). Non potrei vedere nessun altro se non leggessi una poesia che mi fa da intermezzo. Ce n’è una che mi cura come un balsamo. Dice così “Il dolore degli altri non mi sta in mano e nemmeno in gola, più che altro sta nel petto, nella sua memoria, luogo schivo che fa stazione, che scartavetra le fughe“.

Scartavetra le fughe: un’azione così semplice eppure non è proprio lì, nelle fughe, che si raccoglie il sedimento di ciò che accade?

Così posso dire – dopo ogni giornata – indipendentemente da quello che ho ascoltato, che la vita è potabile, perchè abbiamo la possibilità di trasformare ogni dolore, ogni passo difficile, in qualcosa di straordinariamente vivo. In qualcosa di straordinariamente presente

Stasera, meglio di me, vi racconterà tutto questo Chandra Livia Candiani. Sarà a Genova per presentare Fatti vivo, alla Sala Frate Sole, in Piazza Bandiera 1, e questo rende la mia giornata molto potabile!

Pratica di mindfulness: La consapevolezza del respiro

© Nicoletta Cinotti 2018 Il protocollo di Mindfulness Interpersonale

Foto di © gaetano belletti

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!