Quando facciamo bioenergetica capita spesso che emergano vibrazioni, tremori, sensazioni di formicolio diverse dal solito. Forse uniche. Sono quelle sensazioni fisiche che capisci solo se le hai provate. O meglio le provi e non le capisci ma senti che sta succedendo qualcosa. Che il corpo riprende parola. Riprende forza. Riprende vitalità e che non dipende dal tuo controllo. Spesso provocano disagio. Spesso le persone vorrebbero cancellarle. Ma chi le ha provate davvero, vorrebbe, invece, averle sempre perché sa che dopo ci si sente meglio, più forti, più liberi. Perchè un pezzo della nostra corazza ha lasciato filtrare nuova vitalità. E questa vitalità non passa dall’aver esattamente capito come stanno le cose ma passa dall’aver sentito e dal non aver controllato il linguaggio del corpo. Lasciargli spazio, anche se solo per i pochi minuti dedicati al lavoro corporeo, ripaga. Ripaga di anni passati ad imbrigliare il corpo. È per questo che, malgrado tutto, la bioenergetica offre qualcosa di unico: offre la libertà che sta prima delle difese. La vitalità che sta prima del trauma. Ci parla attraverso le vibrazioni che, come bagliori, modificano la nostra percezione di noi stessi.

Questa esperienza è così forte che potrebbe farci illudere: illudere che basti passare dal corpo per cambiare tutto senza bisogno di passare dalle parole. Le parole però contengono la nostra storia. Ogni singola parola contiene la nostra storia e porta con sé l’energia di ciò che contiene. Abbiamo bisogno di mettere insieme il linguaggio del corpo e il linguaggio delle parole. Così come abbiamo bisogno di mettere insieme trama e ordito per fare un tessuto. L’uno senza l’altro rende povera la stoffa, lisa e flebile. I fili della trama sono quelli orizzontali e sono il linguaggio del corpo. I fili dell’ordito sono quelli verticali e sono le parole che nascono dal corpo. Il telaio è la nostra vita: non stancarti di tesserla!

Il viaggio alla scoperta di sé non è mai concluso e non c’è terra promessa dove alla fine approdare. Alexander Lowen

Pratica del giorno: La classe del mattino e/o Arco e bend over

© Nicoletta Cinotti 2019 Cambiare diventando sé stessi

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!