Quando vogliamo cambiare, la prima cosa che pensiamo è cercare una soluzione: agire diversamente, fare di più o fare di meglio.

Raramente pensiamo che se vogliamo cambiare è necessario aumentare la nostra energia. Siamo esseri viventi e abbiamo un bilancio energetico che ci spinge avanti, fatto di carica e scarica, non diversamente da tutti gli esseri viventi. Se manteniamo costante il nostro livello d’energia sarà difficile produrre un cambiamento solo perché cambiamo attività. Anzi, finiremo per aggiungere impegni e diminuire ulteriormente il nostro livello energetico.

Per aumentare l’energia abbiamo due strade: sciogliere il conflitto interiore che mantiene segregate le nostre risorse o aumentare la lunghezza (non l’ampiezza) del respiro.

In entrambi i casi – sciogliere un conflitto interiore o aumentare la lunghezza del respiro – ci sono tre semplici strumenti: consapevolezza, espressione e padronanza. A volte la sola consapevolezza è sufficiente per permetterci di nominare ciò che alimenta il conflitto e averne padronanza.

A volte il respiro agisce come una goccia e scava la dura pietra delle nostre difese.

Non siamo abituati a pensare alla personalità in termini di energia: ma le due cose non possono essere disgiunte. La quantità di energia che un individuo impiega e il modo in cui la impiega determina necessariamente la sua personalità e si riflette in essa. Alexander Lowen

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©chamarelli

l'energia per cambiare

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!