processoIl nostro essere dominati dai pensieri si esprime in molti modi diversi. In genere però c’è un filo rosso che li lega: è la fretta.

I pensieri ci portano ad anticipare, ci spostano oltre il nostro presente.

Ci spingono a credere che se qualcosa non avviene subito non avverrà mai. Ci spingono a pensare che basta volere per arrivare e che la nostra volontà e la nostra decisione spianeranno gli ostacoli.

Esprimiamo questa convinzione con l’impazienza, l’irrequietezza, la velocità oppure con la noia.

In ogni caso perdiamo la possibilità di stare in relazione: con noi stessi e con gli altri. Perdiamo le informazioni che nascono dall’intimità. Ed eliminiamo quelle che non ci piacciono.

Perché qualunque relazione è un processo, uno svolgersi, un fiorire in cui maturiamo. Un processo che ci rende più intimi, con noi stessi e con gli altri. Un processo in cui tutto può avvenire.

La fretta ci dà solo due possibilità: vincere. O perdere.

La volontà è efficiente quando vogliamo fare qualcosa ma è impotente nel cambiare il nostro panorama interno.

Alexander Lowen

Pratica del giorno: Il panorama della mente

© Nicoletta Cinotti 2014 Aprire la mente

 

error: Contenuto protetto!

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!