L'impronta più grande, senza nessuna correzione

Ci sono molti eventi che, nella nostra vita, lasciano un’impronta. Forse ci ricordiamo quando abbiamo imparato a nuotare o ad andare in bicicletta. Ricordiamo le storie della buonanotte e i nostri compagni di scuola. Ricordiamo la casa delle vacanze e quella della nonna.

Queste impronte di memoria costruiscono la storia della nostra vita. Diventano racconti che facciamo a noi stessi e, a volte, agli altri. Questa è la storia esplicita. Queste impronte però hanno anche una storia implicita: gli eventi accaduti ci hanno insegnato come stare in relazione, quali sono i luoghi sicuri e quelli insicuri. Cosa ci piace e cosa, invece, preferiamo evitare. Ci hanno aiutato a costruire una mappa delle nostre capacità e delle nostre qualità e rinsaldato la relazione con le persone significative della nostra vita.

Ma c’è una impronta che contiene tutte queste impronte. È l’impronta della cura. Qualsiasi cosa sia accaduta – bella o brutta – il significato che daremo a quell’evento sarà legato a quanto ci siamo sentiti dentro una cura, dentro una attenzione affettuosa.È questo che farà la differenza: è questo che ci fa sentire a casa, indipendentemente dal luogo in cui siamo. Nessun  luogo è estraneo se vediamo che è tenuto con cura. Nessuna persona ci è estranea se vediamo che ha cura nei nostri confronti.

E la cura ha bisogno di due soli ingredienti – necessari per la vita umana – attenzione e amore. Così, quando pratichiamo, rinnoviamo il nostro legame con questa primitiva impronta di cura. Perché, per praticare, dobbiamo stare nel nostro respiro con attenzione e amore. Niente di più che un’attenzione affettuosa. Senza nessuna correzione. Perchè è il continuo tentativo di correggere la realtà che rende la vita faticosa: l’amore è solo un’impronta di memoria

Ciò che si chiede è la disponibilità a considerare con attenzione i momenti presenti, indipendentemente dai loro contenuti, con spirito di generosità, amore verso se stessi e apertura verso tutte le possibilità. Jon Kabat Zinn

Pratica di mindfulness: La consapevolezza del respiro

© Nicoletta Cinotti 2018 Il protocollo MBSR

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!