Siamo abituati a dare il nostro indirizzo di residenza anagrafico, come se fosse l’unico possibile.

In realtà abbiamo molti indirizzi di residenza che spesso variano momento per momento. Basta chiedersi: dove sono adesso? proprio ora, mentre scrivo, mentre leggo e il respiro dondola avanti e indietro, dentro e fuori.

Risiedo nella mia “mente desiderante”- sempre indaffarata a registrare ciò che manca e a progettare come averlo – oppure nella mia mente cuore – calma, spaziosa e contenta di ciò che ha? E questa residenza mi è chiara o sono confuso sul vero indirizzo da dare alla mia energia? Non so se ritirarmi o protendermi? Se isolarmi in me o sentire la rete di relazioni nel quale sono immerso?

Domandarsi spesso qual è il nostro indirizzo di residenza ha diversi vantaggi: aiuta a tornare presenti, offre uno spazio di pausa, include e non esclude gli stati mentali, annulla le graduatorie di merito. Ci permette di avere una mappa della nostra presenza e non solo una cartina della nostra vita e un piano della nostra agenda. E poi, soprattutto, ci permette di ritrovarci, qualunque sia il luogo nel quale ci siamo perduti.

Risiedi nel cuore: non nel pensiero, non nell’azione ma proprio nell’Essere. Ezra Bayda

Pratica di mindfulness: Addolcire, confortarsi, aprirel'indirizzo di residenza

 

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©Mamu.

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!