Poche cose sono più misteriose dell’insistenza. A volte mi sorprende quanto possa essere persistente malgrado sia negativa. Eppure c’è una sorta di attaccamento che rende difficile lasciarla andare. insistiamo nel ripetere gli stessi errori. Insistiamo nel chiedere le stesse cose. insistiamo per il nostro desiderio di essere visti, di essere ascoltati, di realizzare quello che abbiamo nella mente.

Sì, nella mente. Perchè l’insistenza nasce da un pensiero fortemente intriso di concentrazione che assume una spinta all’azione ripetuta. È formidabile nel convincerci quanto sia necessario insistere. Come se fosse più importante obbedire a questa spinta che cogliere i segnali di disagio che i nostri interlocutori ci mandano. Rinunciare ad insistere ci fa sentire falliti. Insistere, invece, molto spesso, ci mette nella condizione di essere rifiutati. Eppure non rinunciamo a questa ripetizione.

Accade perché l’insistenza è un pensiero non razionale – fortemente intriso di un’emozione di cui ha perso il ricordo – con una fortissima spinta all’azione. Solo la mente riesce a tollerare tale e tanta ripetizione. il cuore scorre perchè sa che fermarsi equivale a morire. il cuore scorre perchè funziona proprio tutto attorno allo scorrere e alla pulsazione. Mentre la mente funziona attorno alla concentrazione e all’attenzione che deve fermare per un tempo sufficiente un oggetto perché possa conoscerlo. Quando poi la concentrazione è troppa nasce l’insistenza. Se diventa patologica nasce l’ossessione e la compulsione.

Se dovessi dire è l’insistenza che nasce dalla mente la radice della coazione a ripetere. La coazione a ripetere gli stessi errori non nasce da un impulso emotivo – come diceva Freud – ma da questa emozione che è rimasta incastrata nei nostri pensieri. Se la riporteremo a casa, al cuore, anche la nostra insistenza svanirà. Non una volta per tutte ma quella volta ci insegnerà la strada per tutte le volte future.

Implorare. Chiedere qualcosa con un’insistenza proporzionata alla convinzione che la cosa non verrà concessa. Ambrose Bierce, Il dizionario del diavolo

Pratica di mindfulness: Lasciar andare (Meditazione live)

© Nicoletta Cinotti 2016 Le radici della felicità

Foto di ©Fe 108Aums

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!