A volte nascondiamo parti di noi agli altri per proteggerci. Le nascondiamo perché temiamo che verrebbero giudicate. Le nascondiamo per vergogna. Le nascondiamo per congruenza con l’immagine di noi che vorremmo dare. Le nascondiamo così bene che nemmeno noi sappiamo come trovarle. E, per continuare a lasciarle nascoste rimaniamo in superficie. Una superficie liscia come l’olio ma priva della ricchezza che solo l’intimità con noi stessi ci concede.

È un equivoco pensare che mantenere segrete parti di noi significhi rispettare la nostra intimità. Confondiamo l’intimità con il segreto e perdiamo così il senso della profondità, il senso della conoscenza di noi. Il rispetto della nostra intimità nasce dal saper accogliere e riconoscere ogni aspetto. Nasce dal permettere che ci sia una buona circolazione interna e non luoghi segreti. Perché se abbiamo un segreto quell’aspetto rimarrà nascosto anche a noi e limiterà l’intimità con noi stessi e con gli altri. Questo non significa che dobbiamo dire tutto. Sarebbe una banalizzazione: significa che almeno noi dobbiamo conoscere la verità su noi stessi per non rimanere alla superficie della nostra esistenza.

L’unica persona alla quale puoi remotamente assomigliare è te stesso. E ciò, alla fine dei conti, è la vera sfida della mindfulness: la sfida di essere te stesso. L’ironia, naturalmente, è che lo sei già. Jon Kabat Zinn

Pratica del giorno: La consapevolezza del respiro

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©lincerosso

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!