Era terra che piegava a occidente,
un solco dietro l’altro a immaginare
quel frasario inaudito di versi non
ancora scritti. I vostri passi laceravano
la nebbia bassa del mattino, la pioggia
scivolova tra pensieri e gesti mai davvero
placata dal tocco della terra, quella terra
innamorata, avara di spiegazioni, tutto
era affidato ai rami spogli, al vostro
quieto andare, agli ombrelli chiusi,
all’inverno silenzioso ma mai muto
Elena Petrassi

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!