Il nostro spazio interno è disegnato dal respiro prima ancora che dalle condizioni esterne. Per questo possiamo sentirci soffocare anche se siamo Liberi.

Scegliamo di restringere lo spazio del respiro per controllare ciò che sentiamo ma spesso, così facendo, rimaniamo noi stessi prigionieri.

Riacquistare la libertà del respiro non passa attraverso la lotta o attraverso la sottomissione. Passa attraverso il riconoscere con dignità i limiti che noi stessi abbiamo dato al respiro. E alla nostra vita.

oche in voloNel mio cuore c’è un uccello azzurro che
vuole uscire
solo di notte qualche volta
quando dormono tutti.
Gli dico: lo so che ci sei,
non essere triste
poi lo rimetto a posto,
ma lui lì dentro un pochino canta,
mica l’ho fatto davvero morire,
dormiamo insieme così
col nostro patto segreto
ed è così grazioso da far piangere
un uomo, ma io non piango,
e voi?
Charles Bukowsky

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!