emozioniLa nostra abitudine a considerare alcune emozioni lecite e altre illecite è molto forte. Lo facciamo principalmente perché non ci piacciono i risultati di alcune emozioni, mentre siamo molto affezionati a ciò che proviamo emotivamente in alcuni momenti.

Questa distinzione rischia però di farci perdere una informazione essenziale: qualunque emozione è una portatrice di informazioni. Ci dice qualcosa del nostro modo di dare significato alle cose. Non significa che abbiamo ragione: significa però che ci diamo una spiegazione di quello che accade nel nostro mondo interno o esterno. Inoltre non possiamo ridurre il volume di un’emozione senza ridurre il volume di tutto il sistema.

Alla fine quindi quello di cui abbiamo davvero bisogno è di imparare a tenere il grano – la ricchezza energetica – di ogni emozione e qualche volta anche la crusca. Abbiamo bisogno di sviluppare una saggia relazione con le nostre emozioni e non di ottenere una farina raffinata. Perché le emozioni, come il pane, si fanno nuove ogni giorno.

Se buttiamo via le nevrosi, buttiamo via anche la saggezza. Quando siamo molto arrabbiati siamo anche molto pieni di energia. Il punto allora non è liberarsi della rabbia ma farci amicizia, osservarla chiaramente con precisione, onestà e gentilezza. Pema Chodron

Pratica del giorno: Lavorare con le emozioni

© Nicoletta Cinotti 2014 Mindfulness e bioenergetica

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!