La gente si aggrappa all’abitudine come a uno scoglio, quando invece dovrebbe staccarsi e buttarsi in mare. E vivere. Charles Bukowski

Parecchi anni fa facevo parte di un gruppo di meditatori con sedi in tutto il mondo. Avevamo una severa disciplina di meditazione e periodici ritiri e intensivi. Con alcune di queste persone, nel tempo, si era sviluppata una frequentazione  intensa e rimanevo spesso colpita dalla differenza tra la loro vita e la loro pratica. Molti di loro avevano una ricchissima spiritualità che si frangeva sugli scogli della vita quotidiana dove perdevano lucidità e rigore e agivano come se fossero persone diverse. Io – come tutti i giovani – cercavo coerenza. Non era diverso nel mio campo professionale, pieno di ottimi professionisti in studio che diventavano esseri umani incasinati e incasinanti nelle loro vite private.

Le ragioni di questa frattura mi hanno sempre incuriosito. Come possiamo essere capaci in un’area e incapaci in aspetti altrettanto importanti della nostra vita? Direi che questa domanda mi ha fatto compagnia per tantissimo tempo. Forse è stata una delle domande che hanno orientato il mio interesse verso la psicologia.

Le risposte sono molteplici: la prima e più semplice è che le diverse sfere di competenza non vengono integrate. La seconda è che siamo un insieme di identità, a volte contrastanti tra loro. Uno nessuno e centomila, come direbbe Pirandello, sempre in cerca di un principio unificatore, di un regista che metta ogni aspetto della nostra personalità sul palcoscenico della vita.

Ad un certo punto però mi è sembrato chiaro che la salute sta nel trovare un principio unificatore piuttosto che curare ogni singolo aspetto, come siamo abituati a fare. Di solito interveniamo sulla parte che ci sembra deficitaria pensando che se guariamo quella poi andrà tutto bene. Non funziona ma insistiamo nel cercare di aggiustare singoli aspetti: la nostra vita sentimentale piuttosto che quella professionale o le nostre relazioni sociali

Credo che dovremmo cambiare prospettiva e passare – come dice Ilaria Capua – ad una logica circolare. Ossia al curare le nostre capacità di integrazione, di unificazione, I nostri modi di affrontare le cose devono essere trasversali perché più sono settoriali e specifici di un ambito della vita e meno contribuiscono alla nostra felicità. Questa è l’intenzione del libro che esce oggi “Mindfulness in 5 minuti. Pratiche informali di ordinaria felicità“. Portare la mindfulness nella vita quotidiana significa integrare, mettere in comunicazione il nostro mondo interno e il nostro mondo esterno. Significa credere che la felicità sia possibile. Non quella dei momenti unici e speciali. Quella di ogni giorno.  Quella che ci fa dire, non vorrei una vita diversa da questa perchè questa è la mia vita.

Pratica di mindfulness: La pratica informale, da un discorso di Jon Kabat-Zinn

© Nicoletta Cinotti 2020 Reparenting ourselves

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!