Due calzini

uno brutto e uno bello

li compero ogni autunno.

Due calzini,

uno brutto e uno bello

si perdono: ogni autunno.

C’è un luogo, signora,

dove si perdono i calzini,

c’è, signora,

in ogni casa.

La signora che vende i calzini

sorride

e ha quella certa comprensione

negli occhi:

è d’accordo con me.

Ci accaniamo

per un buon cinque minuti

io e la signora

sui calzini scomparsi

e su chi li faccia scomparire.

Dopo mi sento meglio,

ma non mi volto a guardare:

la voglio pensare assorta,

la signora dei calzini,

con una certa profondità negli occhi

con una certa comprensione per me.

Perché ciò che veramente volevo dirle

ciò che veramente mi infastidisce

è che ho perso qualcosa

che ieri sera avevo capito

e che ora non so più,

non me lo ricordo.

C’è un luogo, signora,

dove si perdono i pensieri,

c’è, signora,

in ogni corpo.

Perciò ho due calzini nuovi

in borsa,

uno bello e uno brutto,

due calzini perduti

in casa,

uno bello e uno brutto,

e ho il cuore terribilmente confuso

Alessandra Racca

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!