Bisogna essere sinceri: vivere con noi stessi può non essere facile nemmeno per noi.

È per questo che passiamo tanto tempo in una sorta di garbato galleggiamento dal quale usciamo malvolentieri.

D’altra parte l’intimità, qualsiasi intimità, non è un treno espresso. È piuttosto una specie di corriera, quei vecchi autobus che salgono, con tante soste, tra un paese e l’altro. Con molte fermate e anche un capolinea.

Al massimo facciamo paragrafi di intimità: brevi eppure così preziosi.

Perché l’intimità fa paura. Per la sua forza primitiva e rivoluzionaria

Fa paura con noi stessi, figuriamoci con un altro. Che rimproveriamo perché sfugge all’intimità con noi.

Che beffa del destino essere più curiosi dell’intimità con l’altro che con noi stessi. Come se, per entrare nel territorio dell’intimità, la dovessimo prendere alla lontana. E allargare molto il raggio della curva, come si fa in certi tornanti di montagna.

Fai tutto lo spirito che desideri. Ma scegli con cura. Si è ciò che si ama. No? Si è, solo ed esclusivamente e completamente, ciò per cui si morirebbe senza pensarci due volte.David Foster Wallace

Pratica del giorno: La consapevolezza del respiro

paragrafi di intimità

© Nicoletta Cinotti 2015 Scongelare il cuore

Foto di ©Le Photiste

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!