Anche se viviamo con noi stessi da tutta la vita, spesso non possiamo dire di conoscerci bene. In parte accade perché esercitiamo la funzione della conoscenza più verso l’esterno che verso l’interno. In parte perché evitiamo di esplorare quegli aspetti di noi che non ci piacciono, perché ci procurano dolore o perché ci imbarazzano.

L’effetto di questo evitamento è duplice: da una parte riduce l’intimità con noi stessi, dall’altra produce una sorta di paura nei confronti di quello che abbiamo evitato.

Così ogni volta che ci fermiamo per praticare – che sia lavoro corporeo o meditazione formale o informale – facciamo un passo verso una maggiore confidenza nei confronti di noi stessi.

Esercitiamo la conoscenza non verso il mondo interno ma verso il mondo esterno. E gradualmente sviluppiamo una qualità dell’anima che è anche un’emozione: il coraggio.

La gradualità è importante in questo caso, perché può essere un processo lento, con molte soste. Progressivamente però ci ritroviamo ad avere il coraggio di guardare le nostre aree oscure e, soprattutto, il coraggio di essere noi stessi.

Sopprimere le sensazioni è un processo mortifero che diminuisce la pulsazione interna, la vitalità e l’eccitazione. Per questo se sopprimiamo un’emozione, qualche modo sopprimiamo tutte le altre perché ne riduciamo la vitalità. A. Lowen

Pratica del giorno: La meditazione del lago

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!