Qualche volta scrivere siede in te come un animale selvatico.
Forse ne scorgi i suoi occhi.
Forse non vedi nulla
ma i tuoi capelli sulla nuca
sanno che c’è
proprio nel punto in cui l’ombra è più profonda.
Spesso l’ombra mente
su cosa nasconde.

La pantera che ti ha spaventato
nell’infanzia
è vecchia ormai. Non più selvaggia
è stanca di guardare il tesoro
che ti lasci alle spalle
cieca e sorda, ti darà tutto
se la lasci andare.

Ma come potrai sapere
se la volpe sulla collina
porta nel cimitero lo stesso nome di tua madre
o se è la stessa volpe che hai visto attraversare
il cortile nella neve

a meno che tu non metta la penna sul foglio
e la usi per liberare
l’animale che si nasconde
nell’ombra delle tue mani?

Pat Schneider.

Photo by Linnea Sandbakk on Unsplash

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!