L’ansia è un’emozione strana: non arriva subito nella nostra vita ma dopo. Quanto dopo? Qualche anno dopo. I bambini piccoli non provano ansia ma paura, un’emozione più immediata che sorge di fronte ad un pericolo presente. perché l’ansia, per essere tale, richiede di avere una memoria del futuro e la capacità di fare ipotesi. Ma perché alcune persone sono tormentate dall’ansia e altre ne sono libere e la provano solo come emozione dell’inizio?

La ragione è, apparentemente, semplice. Quando un bambino ha paura cerca conforto, consolazione e rassicurazione tra le braccia dei suoi genitori o dell’adulto che è con lui. Non siamo in grado, da piccoli, di calmarci da soli: abbiamo bisogno dell’aiuto di qualcuno che percepiamo molto più forte di noi. Qui avviene il secondo passaggio: un passaggio di pelle. Perché il bambino, qualunque bambino, sente se l’adulto che lo consola è calmo o agitato. Non capisce che cosa succede ma si rende conto, a pelle, se chi lo deve consolare, è preoccupato, o agitato, o arrabbiato. E allora la consolazione non funziona proprio bene come dovrebbe: rimane una quota di sentimento non consolato che, nei bambini, diventa irrequietezza. Spesso irrequietezza motoria, a volte inconsolabilità al pianto.

Insomma ai bambini non si può mentire, perché loro capiscono, empaticamente e per imitazione non verbale, come ci sentiamo. Così, se i nostri genitori andavano in ansia quando noi avevamo paura, piano piano abbiamo iniziato a diventare ansiosi anche noi. La prima serie termina qui.

Ma, come tutte le serie televisive, non ci fermiamo al primo ciclo. Una volta diventati adulti dovremmo sapere come consolarci e confortarci nei momenti di difficoltà e, solo secondariamente, chiediamo aiuto. Se però abbiamo fatto l’esperienza di non essere stati consolati siamo arrivati all’età adulta con due bias – due malcomprensioni – al riguardo. La prima è che ciò che ci agita va calmato distraendosi invece che confortandosi. La seconda è che ciò che ci agita dentro è roba paurosa. E questa è la seconda serie.

Poi, ad un certo punto, decidiamo di andare oltre ai limiti della distrazione e oltre ai limiti dettati dalla nostra ansia perché ci rendiamo conto che così non stiamo tanto bene. E decidiamo, per esempio, di iniziare a praticare mindfulness. La prima reazione è quella che si prova quando si fa retromarcia e si torna sul luogo di un fantomatico misfatto. Le sensazioni vanno dall’ansia, all’irrequietezza, al torpore. Tutto questo non è un segnale di stop. Stiamo semplicemente riprendendo il lavoro dal punto in cui è stato interrotto. Stiamo iniziando a imparare – o continuando ad imparare – come essere buoni genitori di noi stessi. Un buon genitore non risponde con indifferenza ai segnali di disagio. E nemmeno con ansia. Risponde con cura e attenzione affettuosa. Questa è la terza seria che apre un film completamente nuovo.

L’ansia è sempre un vuoto che si genera tra il modo in cui le cose sono e il modo in cui pensiamo che dovrebbero essere; è qualcosa che si colloca tra il reale e l’irreale. Charlotte Joko Beck

Pratica di mindfulness: Cullare il cuore

© Nicoletta Cinotti 2021 Reparenting ourselves

Photo by Isaac Quesada on Unsplash

unsplash

 

La funzione di copia è disattivata

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!