La stabilità viene spesso pensata come l’esperienza di uno stato emotivo costante. In realtà noi siamo soggetti all’alternanza dei nostri stati d’umore, e non possiamo che procedere come equilibristi. Possiamo trovare stabilità nell’esplorazione delle nostre esperienze quotidiane e nel radicamento in noi. E’ la stabilità dell’equilibrista che procede sul filo e la pratica, formale e informale, è l’equivalente del bastone per gli equilibristi.

Oggi cerchiamo di essere consapevoli degli infiniti aggiustamenti che facciamo per tenerci in equilibrio, nel corpo e nell’anima. Proviamo ad apprezzare i nostri sforzi, l’inevitabilità delle cadute e a stupirci per quella sottile ma tenace determinazione che ci spinge a ritornare sul filo …

da “Nella moltitudine”

equilibrist

Potevo essere me stessa – ma senza stupore,

e ciò vorrebbe dire

qualcuno di totalmente diverso.

Wislawa Szymborska

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!