Anche se non sempre riconosciamo o percepiamo le nostre emozioni, queste continuano ad esistere perché il nostro modo di comprendere le cose e di stare nel mondo è – indipendentemente dal carattere – un modo affettivo.

Le nostre emozioni non riconosciute vanno a finire nei pensieri e li condizionano sottilmente ma in modo rilevante. Li trasformano in qualcosa di sproporzionato alla realtà: di esageratamente positivo o negativo. Diventano turbini capaci di trascinarci e torturarci, anziché strumenti di comprensione. Diventano sospetti e timori ingiustificati. Diventano sentieri ripetuti, percorsi ogni giorno, senza cogliere la novità del presente.

scimmiaPratica del giorno: Oggi, ogni volta che ci rendiamo conto che i nostri pensieri stanno prendendo possesso di noi, proviamo a cercare l’emozione che è nascosta lì dentro. Scegliamo il prato e non il solito sentiero. Sperimenteremo un senso di libertà e leggerezza e i pensieri torneranno ad essere quello che sono: idee.

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!