liberare il passatoOgni volta che entriamo in contatto con una sensazione repressa e la liberiamo, rendiamo disponibile per altri scopi l’energia che ci serviva a tenerla sotto la superficie della consapevolezza.

E’ come se, per non sentire, fossimo continuamente impegnati a tenere una porta chiusa. Spingiamo, soffochiamo e impegniamo il corpo in uno sforzo continuo. Lo facciamo per paura del dolore. Ma vale la pena tanta fatica?

Quando ci spostiamo e liberiamo la possibilità di sentire di nuovo, spesso l’unica cosa che emerge è un gran senso di sollievo e una riacquistata sensazione di libertà.

Ci sentiamo più vivi e più presenti perché abbiamo smesso di lottare contro il passato.

Pratica del giorno: Mindful bioenergetics, oppure Standing Yoga

La terapia non può cancellare il passato. Lo affronta per quanto riguarda il suo effetto sul presente. A. Lowen

© Nicoletta Cinotti 2014     Abitare il presente
La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!