“Tuttavia, in qualunque momento esso abbia avuto inizio, il danno collaterale del Disamore, ricevuto nell’enormità dell’infanzia, vasta come un’era, sta nella nostalgia del suo veleno: chi lo riceve vi si affeziona, ne vorrebbe riscuotere magari dell’altro e, crescendo, può talvolta cercare di riempirsene ancora le tasche, per rimpianto di cosa fantasticata pari a un gruzzolo di pepite d’oro. L’oro dell’abitudine, non altro.

Tutto vero, fin che lo crederà: chiunque si dispone a non amare chi non ha l’impudicizia di amare se stesso e si espone all’amore e al disamore altrui come senza ferita, o intelligenza.

I non amati sono mesti sovrani del proprio destino, nel museo vivente della terra». Tanto più verosimile se Disamore emana da un corpo flagrante, radioattivo e radioso di Madre.” Maria Grazia Calandrone,

La storia di un’adozione, la storia di una famiglia, la possibilità di trovare la bellezza anche dove è nascosta. In assoluto il più bel romanzo che ho letto finora nel 2021

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!