Sono un’arruffona e a volte sono anche arruffata. Come tutte le persone che si muovono tanto, sbaglio tanto. È inevitabile e doloroso insieme: meno fai e meno sbagli. Però in questa ormai lunga esperienza di sbagliatrice professionista ho imparato alcune cose:

  • gli errori imperdonabili dagli altri sono pochi. Quelli imperdonabili da noi stessi sono molti, moltissimi.
  • più ti vergogni e più errori imperdonabili trovi. A volte la vergogna ti fa sembrare imperdonabili errori di cui nessuno si prenderebbe cura
  • insegnare è la missione più pericolosa del mondo. Insegnare qualunque cosa, anche come fare un’omelette (a proposito, chi dice che l’omelette è facile da fare?Perché? Perché tutto quello che presuppone un apprendimento è legato a due pesi contrapposti: il giudizio e l’idealizzazione. Se vuoi insegnarmi qualcosa devi essere perfetto o, almeno, meglio di me (e questa è l’idealizzazione). In più giudicherai come sono e io giudicherò come sei e più ti ho idealizzato e più sarò severo o severa con te. In genere chi insegna è severo quando è preoccupato di non essere all’altezza. Più ha fiducia in sé stesso o sé stessa e meno ha bisogno della severità

Però c’è sempre il rovescio della medaglia che è:

  • meno sbagli e meno impari
  • ogni errore contiene in sé l’energia della riparazione
  • invece che errori ci sono eventi che sono rotture: micro-rotture o grandi rotture. Ogni rottura ha il potenziale per la riparazione e in quel momento, per magia, diventa apprendimento.
  • raramente si impara alla prima. A volte nemmeno alla seconda o alla terza. Dalla quarta in poi le probabilità aumentano
  • Quello che trasforma una rottura in una riparazione è il perdono

E qui comincia il bello perché la parola perdono è carica di tanti significati. Nella religione cattolica è legata ad un sacramento, il sacramento della confessione. Se non siamo cattolici è una parola che può sembrare troppo religiosa e suscitare resistenza. Eppure nasconde un tesoro.

Per perdonarsi e perdonare abbiamo bisogno di riconoscere che c’è stato un errore, abbiamo bisogno di sentire il graffio – doloroso – di quell’errore. Da quel dolore, non fuggito, non evitato, non scansato, può sorgere tenerezza e compassione se non permettiamo alla vergogna di gridare troppo forte. È imbarazzante e difficile stare in quel dolore perché dichiara la nostra vulnerabilità e di solito preferiamo correre subito ai ripari che non sono riparazione ma difesa. Ecco tutto questo per dire che mi sto allenando a riparare, a crescere grazie all’energia dell’errore. A non scandalizzarmi per i miei errori che, vista la mia età, cominciano ad avere una bella storia. Così, da sbagliatrice professionista sto iniziando a diventare sarta: ricucio e rammendo i fili strappati della mia storia e di storie altrui.

La ragione taglia e divide sempre come un paio di forbici. Il cuore cuce le cose insieme e le unisce come un ago. Il sarto usa entrambi.Mata Amritanandamayi
Pratica di mindfulness: Self compassion breathing
A proposito di cucire, rammendare, riparare, hai visto il Ted Talks di Mafe De Baggis, Rammendare internet? Lo trovi qui
La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!