Chi studia è uno sfigato. E chi è bravo lo è perchè ha una bravura innata, spontanea, inconsapevole e selvaggia. Chi studia diventa solo uno studioso. Genio invece si nasce. Il semplice studiare, di per se non porta da nessuna parte, E causa anche malattie, depressioni, errori di postura, mal di schiena, miopia, scoliosi… Un mio carissimo amico mi ha confidato che, per lungo tempo ha pensato che scoliosi venisse da scuola e anche a lui pareva un’origine del tutto naturale.

Già, chi studia sta seduto, chino, contratto, rannicchiato, fermo. Ed è solo in una stanza. Come può piacerci una figura così immobile e rinchiusa? Priva di vita, priva di appeal?

Infatti in genere se si studia non si dice che si studia. Lo studio si nega sempre, come un peccato, un vizio innominabile. Quando a scuola andavo bene a un’interrogazione e i compagni mi chiedevano: “Hai studiato tanto vero?”io rispondevo: “Ma no, quasi niente”. Era una bugia colossale ed evidente. Che avessi passato giorni a studiare fino a notte era ovvio: solo studiando si può prendere nove. Se non studi come te le inventi le fasi delle guerre puniche o la tavola degli elementi di chimica? Il fatto è che non volevo fare brutta figura, sembrare diversa…Insomma c’è una sorta di tacito patto, per cui se uno proprio non può fare a meno di prendere 9, almeno deve far finta che sia capitato per caso, che non l’abbia provocato, per esempio studiando.

Studiare è sempre stata una cosa che era meglio non fare, ma che, se proprio si faceva, era bene nascondere.

Anche esibire la cultura, mostrare platealmente quanto sai, sciorinare a destra e manca libri e articoli, per carità, non va mai bene (…) Mostrare la cultura non va più, non si fa. sarebbe controproducente, altro che ammirazione. Se venisse fuori a cena che stai leggendo il Filostrato di Boccaccio o le rime del Chiabrera, tutti penserebbero, “Poveretto, che vita grigia!”.

Oggi piuttosto si esibisce l’ignoranza, rende molto di più. È immediatamente un vantaggio sociale, un atout. È come se il non sapere e il non studiare ci dessero un fascino aggiunto, una certa patina di rozzezza che sa subito di istinto primordiale, naturalezza ferina, autenticità.

Chi studia è sempre un ribelle.

Uno che si mette da un’altra parte rispetto al mondo e,

a suo modo, ne contrasta la corsa.

Chi studia si ferma e sta: così si rende eversivo e contrario.

Forse dietro c’è sempre una scontentezza di sé o del mondo. Ma non è mai una fuga.

È solo una ribellione silenziosa e, oggi più che mai invisibile. Paola Mastrocola

 

Questo post è dedicato a tutti i ribelli invisibili, che studino o no. A tutti coloro che, nella mindfulness, cercano un modo per studiare se stessi, per aprire il libro della propria vita.

www.nicolettacinotti.net Addomesticare pensieri selvatici

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!