Sono molte le cose che facciamo quando il dolore entra nella nostra vita. Facciamo molto perché temiamo di perdere la nostra integrità o, a volte, la nostra stessa vita.

1090@Arrampicarsi_sugli_specchiAllora possiamo cercare di “tenerci su”, in senso fisico ed emotivo. Spostiamo il nostro baricentro verso l’alto, ci “appoggiamo” ai pensieri, tiriamo su le spalle, e anziché abbandonarci alla forza di gravità, lottiamo contro di essa nel vano tentativo di non farci abbattere.

Negando il dolore viene negata la disperazione che l’accompagna: è così che iniziamo a costruire illusioni che, apparentemente, ci tirano su. L’alternativa al “tenersi su” è, piuttosto, radicarsi verso il basso e rendere più saldo il nostro amoroso legame con la vita.

The only way out is down

Alexander Lowen

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!