Sono molti i modi in cui ci mettiamo sotto sforzo. Uno dei più continui e classici è attraverso la tensione muscolare. Non solo le grandi tensioni muscolari ma quelle piccole, sottili continue…serrare i denti, trattenere il respiro qualche secondo di troppo, spingere la testa avanti, stringere le braccia al diaframma e così via. Queste piccole contrazioni, proprio perché continue, finiscono per non essere più percepite con chiarezza. Diventano gesti automatici. Diventano il nostro modo costante di impedirci di esistere e di spingerci a fare…spesso a fare qualcosa di diverso.

Oggi, di tanto in tanto, porta l’attenzione al corpo, raccogli l’insieme delle sensazioni fisiche e apri quelle piccole tensioni, provando semplicemente a respirare più profondamente. Lascia che tutto il corpo possa riposare in questo senso di scioglimento…

E’ importantissimo ricordare che non c’è un modo giusto di praticare e che, alla fine, bisogna costruirsi la propria pratica, o meglio lasciare che diventi propria grazie alla disponibilità che si ha a dedicarvisi e a lasciare che diventi il proprio maestro”

Jon Kabat Zinncuore

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!