tornare-a-casaTornare a casa può essere molto semplice e rilassante: possiamo toglierci le scarpe, metterci comodi. Avere tempo per sistemare gli appunti, leggere il libro lasciato sul tavolo.

Tornare a casa però significa anche incontrare quei lavori lasciati in sospeso che aspettano il nostro ritorno per concludersi.

Significa entrare di nuovo in contatto e in intimità con le difficoltà della nostra vita quotidiana.
La stessa cosa vale per il corpo. Tornare al corpo è come tornare a casa e incontrare gli aspetti piacevoli e rilassanti di quel ritorno. E quei lavori lasciati in sospeso che solo l’intimità con se stessi fa riemergere.

Ecco perché a volte evitiamo di tornare a casa ed evitiamo di tornare al corpo. Per quel contatto – intimo e profondo – che ci fa vedere le cose nella loro realtà nuda e cruda.

Quelle cose che aspettano la nostra presenza per essere sciolte.

C’è una frattura
dalla quale emerge ciò che è intatto…Rashani Rea

Pratica del giorno: Standing Yoga

© Nicoletta Cinotti 2014 Mindfulness e bioenergetica

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!