Usare la parola amore è sempre difficile. Perché è abusata, nelle immagini e nel significato. Perché è privata della sua reale sostanza. Eppure, insieme alla paura, è la reazione emotiva fondamentale.

Sono due facce della stessa medaglia: quella delle relazioni. La paura, come dice Martha Nussbaum, è una emozione egocentrica. La più egocentrica. Per metterci al sicuro facciamo moltissimo. Ed è l’emozione che più spesso proviamo quando siamo innamorati. Abbiamo paura che possa succedere qualcosa di imprevisto, paura di perdere, paura di soffrire.

L’amore invece è l’emozione in cui stabiliamo connessioni, ci apriamo, entriamo in relazione. Qualunque sia il tipo d’amore che proviamo.

L’importanza che oggi riveste l’amore è tale perché viviamo in un grande isolamento sociale che è la vera perdita di capitale. Non viviamo più dove siamo nati, non lavoriamo più dove viviamo. Lavoriamo moltissime ore, spesso in solitaria. Abbiamo perso gli amici d’infanzia e vediamo poco la famiglia d’origine.

E’ questo isolamento che accresce la nostra paura. E’ questo isolamento che ci fa chiedere troppo all’amore. Ci fa chiedere l’esclusività, la sicurezza, la perfezione, per non vedere quanto grande e diversificato è il nostro bisogno.

Abbiamo bisogno di ristabilire la capacità di connessione dentro e fuori di noi. Di riconoscere e onorare le relazioni che abbiamo. Di rispettarle e nutrirle. Tutte, anche le semplici amicizie, il vicinato, i colleghi, i negozianti. Il giornalaio e il barista. Questo diminuirà la nostra paura e ci farà chiedere, a chi amiamo, quello che è possibile, non quello che è impossibile, cioè tutto.

Tutto –208
una parola sfrontata e gonfia di boria.
Andrebbe scritta fra virgolette.
Finge di non tralasciare nulla,
di concentrare, includere, contenere e avere.
E invece è soltanto
un brandello di bufera. Wislawa Szymborska

Pratica di mindfulness: Self compassion breathing o la Pratica di Metta

© Centro Studi Mindfulness e bioenergetica Genova Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©tstaires

error: Contenuto protetto!

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!