Tre cose sono importanti nella vita. La prima è essere gentili. La seconda è essere gentili. La terza è essere gentili. Henry James

Cosa possiamo fare in tempi di incertezza così estrema, mi sono chiesta quando è iniziata la fatidica seconda ondata del Covid? Nella prima fase eravamo stressati da un rigoroso lockdown ma guardavamo alla fine. Pensavamo che fosse vicina. Nella seconda ondata la fine è un miraggio e, come tale, quando ci sembra di essere arrivati all’oasi, ci accorgiamo che era una illusione.

Le nostre risorse personali sono più esigue e maggiormente provate da uno stress che da acuto è diventato cronico. Molti di noi hanno attraversato varie forme di lutto: dalla perdita di persone care alla perdita di contatti sociali e professionali. Se lo stress fa diventare più nervosi quale può essere l’antidoto che non abbia già logorato o che non sia già stato ampiamente usato?
Da più parti la risposta mi è sembrata unanime: la gentilezza e la compassione. Non ci sono altri antidoti leciti alla rabbia e alla frustrazione alimentate dall’incertezza e dalla perdita.

I genitori combattono da equilibristi tra il lavoro da remoto e le esigenze dei figli in DAD. Chi lavora deve sopportare l’isolamento dalle persone che ama e la riduzione delle tradizionali forme di distrazione che prevedono contatto sociale.Insomma chi non è ansioso alzi la mano

Sfortunatamente, la maggior parte dei consigli non riconosce che in tempi come questi, la cassetta degli attrezzi di tutti deve espandersi in modi che non abbiamo mai visto prima. Così anche i più agitati e efficienti hanno iniziato a meditare ma non deve essere sufficiente se la Harvard Business School pubblica un articolo sulla gentilezza come strumento di leadership

Credo che una strategia di leadership potente e fondamentale sia largamente trascurata. In effetti, è la più innatamente umana: sii gentile.
Secondo un recente sondaggio Gallup, meno della metà dei dipendenti (45%) è convinta che il proprio datore di lavoro abbia a cuore il proprio benessere. Molti si rendono conto che questo deve cambiare. Praticare una gentilezza attiva e abituale può trasformare il luogo di lavoro remoto e può iniziare oggi. Un po ‘di rassicurazione, ascolto compassionevole, uno sforzo consapevole per convalidare la paura e la confusione delle persone sono tutti fattori che fanno molta strada. Boris Groysberg e Susan Seligson

Una ricerca condotta da Mind Share Partners in partnership con Qualtrics e SAP ha rilevato un peggioramento della salute mentale del 42% dei dipendenti a partire dall’inizio della pandemia. Anche se gentilezza e compassione non sono in genere parte del tessuto aziendale, sono sempre più essenziali per andare avanti.

Sfortunatamente entrambe queste due componenti mancano proprio nel momento in cui si deve gestire lo stress di una crisi con lavoro da remoto, licenziamenti, incertezza nei mercati e altri fattori di frustrazione personali e sociali.Fare i conti con questi cambiamenti richiede tempo e capacità specifiche: la gentilezza no

Il valore e il vantaggio della gentilezza è stato portato avanti da leader leggendari come King Solomon e Desmond Tutu fino a dirigenti come Mary Barra, CEO di General Motors, nota per il suo stile inclusivo e incentrato sui dipendenti.

La gentilezza si può imparare. Richard Davidson, dell’Università del Wisconsin, responsabile del Center for Healthy Minds, ha paragonato la pratica della gentilezza e della compassione all’allenamento con i pesi: “Le persone possono effettivamente costruire il loro ‘muscolo’ della compassione e rispondere alla sofferenza degli altri con cura e desiderio di aiutare”, ha detto. I grandi leader attestano che non è un segno di debolezza o rinuncia all’autorità essere costantemente gentili e offrire incoraggiamento e mostrare genuino interesse per il benessere mentale dei dipendenti in tempi di punizione. Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern, allo stesso tempo energica e compassionevole, ha osservato che una delle critiche che ha dovuto affrontare nel corso degli anni è che “non sono abbastanza aggressiva o abbastanza assertiva, o forse in qualche modo, perché sono empatica, significa che sono debole. Mi ribello totalmente a questa idea. Mi rifiuto di credere che non puoi essere compassionevole e forte “.

Abbiamo visto come lo stress può alterare il comportamento. È che sotto stress persone normalmente calme e ad alto funzionamento mostrino segni di confusione e burnout. I team non riescono a rispettare le scadenze e i dirigenti vedono aumentare i piccoli conflitti e l’irascibilità.

È importante ricordare che la gentilezza è contagiosa oltre che calmante. Ed è curativa: la Mayo Clinic ci esorta a “fissare intenzionalmente l’obiettivo di essere più gentili con gli altri. Esprimere sinceramente gentilezza sentita a un collega”. La scienza ha confermato ciò che osserviamo nelle nostre interazioni quotidiane. Gli atti di gentilezza attivano la parte del nostro cervello che ci fa provare piacere e rilascia un ormone chiamato ossitocina che aiuta a modulare le interazioni sociali e le emozioni. Essere gentili fa bene alla salute mentale nostra e dei nostri dipendenti afferma l’articolo della Harvard Business School. E questo si traduce in un miglioramento del morale e delle prestazioni.

Ecco cosa ha detto Psychology Today sui capi gentili: “È stato dimostrato che aumentano il morale, diminuiscono l’assenteismo e trattengono i dipendenti più a lungo. I capi gentili possono persino prolungare la vita dei loro dipendenti diminuendo i livelli di stress che migliora la salute cardiovascolare”.

Sii gentile, perché tutti quelli che incontri stanno combattendo una dura battaglia. Filo d’Alessandria

La pandemia non è il momento per un approccio severo e deciso alla leadership e alla gestione. La vasta ricaduta del virus richiede un approccio più gentile e delicato. Cosa possono fare CEO e manager per infondere gentilezza ed empatia nella loro leadership? L’articolo già citato riporta alcuni modi semplici ed efficaci per praticare la gentilezza come una cosa ovvia. Eccone alcuni:

  •  Ascolta davvero. Sii pienamente presente e non giudicare. Incoraggia le domande e le preoccupazioni dei dipendenti. Ascolta attivamente: nessuna occhiata laterale al telefono. “Quando qualcuno condivide che sta lottando, non saprai sempre cosa dire o fare”, scrivono Kelly Greenwood e Natasha Krol su Harvard Business Review.
  • La cosa più importante è fare spazio per ascoltare come stanno veramente i membri del tuo team ed essere compassionevoli. Potrebbero non voler condividere molti dettagli, il che va benissimo. Sapere che possono farlo è ciò che conta.
  • Chiedi “come stai?” Mostra la volontà di fornire conforto e monitora segni di angoscia come il ritiro sociale o scarse prestazioni, suggeriscono Lesley Hammer e Lindsey Alley in The Conversation.
  • Cosa possiamo fare per aiutarti? Essere gentili potrebbe anche comportare un ruolo attivo nell’offrire risorse per la salute mentale o creare un gruppo di supporto virtuale o una cassa di risonanza.
  • Come stai gestendo questo periodo? Alcune aziende stanno creando informazioni più approfondite sulle  specifiche situazioni che la loro forza lavoro deve affrontare. Secondo il MIT Sloan Management Review, essere single e lavorare da solo in quarantena comporta una serie di stress molto diversi rispetto all’essere un membro di una famiglia che lavora con bambini piccoli. Per i dipendenti che soffrono di isolamento sociale, una società ha lanciato pause caffè virtuali quotidiane. Per coloro che lavorano mentre si prendono cura dei bambini, è importante essere sensibili ai problemi di esaurimento e alla difficoltà di lavorare durante l’orario di ufficio pre-pandemia. “La leadership che segnala che lavorare in orari non ortodossi va bene potrebbe fare davvero la differenza per i loro livelli di stress”, riporta la Sloan Managment Review
  • Considera l’idea di renderti disponibile in momenti al di fuori dell’orario di lavoro.
  • “So che stai facendo il meglio che puoi”. Questa affermazione è, con poche eccezioni, vera: le persone riferiscono che stanno lavorando più duramente di quanto non facessero prima del COVID. Mentre i licenziamenti salgono alle stelle, i dipendenti vivono nella paura di perdere il lavoro. In tempi di crisi, i capi devono modificare le loro aspettative. Come ha scritto Bryce Covert in un editoriale del New York Times, “Mantenere la produzione costante pur mantenendo la nostra salute fisica e mentale è possibile. Dobbiamo lavorare di meno e i datori di lavoro devono rendersene conto. “Le scuole pubbliche sono chiuse nella maggior parte degli Stati, la maggior parte dei servizi di assistenza all’infanzia ha cessato l’attività e la maggioranza delle coppie con bambini in età scolare ha entrambe un lavoro”. i genitori accedono dopo che i bambini si sono addormentati e rispondono alle e-mail prima di svegliarsi. I capi devono riconoscere quanto sia stato incredibilmente difficile “. Ma come ha osservato Covert,” troppo spesso, i datori di lavoro si comportano come se poco fosse cambiato. I loro dipendenti stanno rispondendo alle loro aspettative lavorando ancora più duramente.”

Insieme all’empatia e all’intelligenza emotiva, la gentilezza è una delle soft skills più essenziali per una buona leadership. Ma in questi tempi, potrebbe essere il più cruciale. Parafrasando Henry David Thoreau, la gentilezza è un investimento che non fallisce mai.

© Nicoletta Cinotti, liberamente tratto da “Good Leadership is an Act of Kindness” di Boris Groysberg, Richard P. Chapman Professor of Business Administration alla Harvard Business School. Susan Seligson, ricercatrice indipendente

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!