Capita a tutti di sbagliare strada. Un po’ di distrazione, una città nuova. Qualche attimo di incertezza in più e ci troviamo in una direzione sbagliata rispetto alla nostra meta.

Non è questo errare il problema: è non ammettere di aver sbagliato il vero problema.

Insistere in una direzione anche se ci rendiamo conto che non è quella giusta, proprio per non tornare sui nostri passi. Questa difficoltà ad ammettere la nostra imperfezione è il vero problema.

Che ci spinge in direzioni assurde, prima di abbandonarle.

In questi casi quello che ci serve è un cuore ben diretto. Un cuore al servizio del sé e non dell’Ego. Perché il cuore al servizio dell’ego si ricopre del mantello dell’orgoglio e sostiene qualsiasi scusa e giustificazione. Un cuore ben diretto ci dice la verità e ci porta nella direzione giusta.

Il cuore ben diretto è quello che è al centro della pratica della meditazione. Ovviamente, poiché siamo degli esploratori, come tutti gli esploratori a volte sbagliamo strada e possiamo, per esempio, ritrovarci davanti ad un dirupo. Allora cosa è saggio fare? Corrado Pensa e Neva Papachristou

Pratica di mindfulness: La consapevolezza del respiro

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©S_lidingdoor_s

un cuore ben diretto

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!