Una diversa prospettiva sulla gelosia

Forse la gelosia potrebbe essere considerata il sentimento della fratellanza. Quel sentimento che impariamo a conoscere quando arriva un altro bambino o un’altra bambina in famiglia. È vero: quello è un momento in cui sperimentiamo probabilmente gelosia.

In realtà credo che la gelosia sia l’emozione del cambiamento. Il rivelarsi della natura incerta e mutevole delle relazioni. Credevamo che le cose fossero immobili e, invece, la relazione è un terreno dove tutto è in mutamento. Eravamo sicure di essere amate e un attimo dopo arriva l’incertezza, il dubbio. La sensazione che ci sia una rivale. Umana o professionale non fa differenza perché in realtà la gelosia nasce quando c’è un furto dell’attenzione. Un furto che può anche essere solo temuto.

Così la gelosia è una sfida. Ci sfida a non far coincidere la fiducia con la certezza ma con la capacità di stare nel terreno instabile della relazione. Ci sfida a fare sì che la saggezza coincida con il non sapere, ci lascia aperti a qualsiasi cosa, senza timore del cambiamento. Le previsioni ci riempiono di ipotesi e non di verità. Anziché incontrare gli altri incontriamo le nostre proiezioni e si perde la sottigliezza dell’emergere del cambiamento che può comparire in qualsiasi momento in qualsiasi relazione. Non siamo gelose solo dell’altra. Siamo gelose del nostro collega, della nostra vicina di casa che cambia l’arredamento oppure la macchina.

La gelosia diventa un sentimento che ci avvisa. Ci ripete di stare nell’incertezza perché l’incertezza è il terreno più adeguato per vivere momento per momento in una relazione. Possiamo essere dove siamo solo se siamo disponibili a mettere da parte dove siamo stati e dove stiamo andando perché il cambiamento è più grande della personalità individuale e abbraccia ogni cosa. Non è contro di noi ma ne facciamo parte. Anche noi ci muoviamo continuamente in una relazione e non è solo il mondo esterno ad essere in trasformazione. Siamo proprio sicure di continuare ad amare con  la stessa incrollabile costanza con la quale vorremmo essere amate? Forse no.

La pazienza apre porte che lo sforzo trova sbarrate. Gregory Kramer

Pratica di Mindfulness: Meditazione sul cambiamento e la gentilezza amorevole

© Nicoletta Cinotti 2019  Milano: Amore e passione tra mindfulness e bioenergetica

Photo by oldskool photography on Unsplash

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!