Parte della nostra difficoltà nei confronti della compassione è la sensazione che la generosità verso gli altri comporti una limitazione e un sacrificio di noi stessi. Come se la compassione fosse una torta con un numero limitato di fette: se ne diamo via la metà a noi rimane troppo poco.

E’ il dolore che chiude la nostra prospettiva: soffriamo e quindi pensiamo che gli altri ci debbano qualcosa in più e , soprattutto, che dobbiamo utilizzare tutte le risorse per noi stessi. Facendo così chiudiamo ancora di più quella sorgente di nutrimento che viene dallo scambio tra noi e gli altri, tra l’interno e l’esterno.

E’ una convinzione difficile a morire. Quando siamo in difficoltà spesso la strada contro-intuitiva è l’unica possibile: dare anziché prendere, stare anziché scappare. Amare anziché pretendere di essere amati.

La compassione riporta vitalità e attenzione a quella zona che abbiamo chiuso troppo strettamente e che, con la sua chiusura, aumenta la nostra fame d’amore. La compassione riporta aria nuova in una stanza chiusa.

L’amore non è dare ma essere aperti: Alexander Lowen

Pratica di mindfulness: Self compassion breathing

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©AnneliesW

una torta con un numero limitato di fette

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!