Spesso siamo disturbati dalla nostra tendenza alla ripetizione. Ripetiamo gli stessi errori, personali o relazionali. Ripetiamo le stesse scelte, manteniamo le stesse abitudini anche quando sappiamo che ci fanno male.

Ci sembra impossibile lottare contro la forza di questa ripetizione. Ci sembra impossibile uscire dal pilota automatico, sia che riguardi la nostra routine quotidiana sia che riguardi le nostre relazioni. In cui finiamo per confliggere sempre sulle stesse cose.

Quello che ci ostacola però non è la forza delle abitudini: è il prenderle in blocco unico e pensare che il cambiamento debba riguardare tutto lo schema e tutto insieme. Non è così. Raramente riusciamo a segnare una discontinuità così ampia. A cambiare tutto lo schema tutto insieme.

Il cambiamento passa dal riconoscimento delle sfumature e dagli infiniti piccoli punti di svolta che accompagnano ogni sfumatura. Non occorre voltare pagina: occorre portare la consapevolezza ai singoli momenti che costruiscono lo schema. Quei piccoli istanti che tendiamo a non sentire perché coperti dalla nostra tendenza a vedere la globalità. L’abitudine e la ripetizione sono sostenuti dalla tendenza a globalizzare, generalizzare, muoversi per grandi blocchi.

E, infatti, questa è una tendenza che è sostenuta dai nostri blocchi fisici. Se sciogliamo il corpo, se portiamo l’attenzione ai particolari sarà facile accorgersi di quanti punti di svolta si aprono di fronte a noi in ogni momento. Abbiamo solo bisogno di smettere di vedere solo ciò che è grande. Abbiamo solo bisogno di imparare a riconoscere e gustare ciò che è piccolo. Piccolo come un respiro. Piccolo come un passo. E altrettanto vitale.

Il dare attenzione al respiro non riguarda propriamente il respiro, come neppure il dare attenzione a qualsiasi altro oggetto che si è assunto come oggetto di attenzione è dare propriamente attenzione a quello speicifico oggetto. I diversi oggetti di attenzione ci servono per aumentare la stabilità del nostro essere presenti. Gradualmente cominciamo a sentire che essere presenti è quello che conta. Jon Kabat Zinn

Pratica di mindfulness: Il panorama della mente

© Nicoletta Cinotti 2017 Risolversi a cominciare Foto di ©Rianetna

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!