A tutti noi capita di sperimentare difficoltà diverse a seconda della diversa intimità della relazione.

A volte le relazioni intime sono il luogo dove sperimentiamo la maggiore felicità e la maggiore difficoltà.

Questo avviene perché l’intimità fa emergere i contenuti primitivi del nostro mondo interno.

In questo modo spesso usiamo la distanza dalle persone che amiamo per allontanarci da ciò che fanno emergere di noi.

E così, anziché diventare intimi, diventiamo assenti. Lasciamo gli altri per non saper stare con noi.

E questa assenza ha il sapore della distanza, dell’affanno e della nostalgia per ciò che sarebbe potuto essere e non è stato. Né nella nostra vita, né nelle nostre relazioni.

In generale, nella relazione, dolore e piacere coesistono, anche se l’uno o l’altro possono prevalere. Sentiamo che il nostro cuore non sopravviverà ad una nuova esperienza traumatizzante. Pensiamo di non avere altra scelta che chiudere il nostro cuore all’amore e lo chiudiamo effettivamente in una cassaforte, corazzando la nostra cassa toracica. Dal crepacuore ci difendiamo rinunciando ad amare e dalla morte rinunciando a vivere.

A. Lowen

Pratica del giorno: La meditazione del lago

© Nicoletta Cinotti 2014  Ammorbidire il cuore

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!